sarfati
Cave Etienne et Sébastien Riffault - Sury-en-Vaux (Loira)
  sebastien_riffault_domaine_skeveldra_sancerre_loira

Sébastien Riffault lavora 12 ettari di vigneto dell'azienda di famiglia, nata nel 1900, nell’area Aop di Sancerre, sui comuni di Sancerre, Verdigny e Sury-en-Vaux. L’obiettivo è la riscoperta di un sancerre il più naturale possibile, che racconti al meglio il terroir di questo vino che ha reso celebre il sauvignon blanc nel mondo.
Le colline su cui sorgono le vigne dominano la città di Sancerre e il corso del fiume Loira. Si tratta, per lo più, di viti di circa 40-50 anni d’età. Il terreno è caratterizzato da una gran presenza di silice.
L’esposizione dei vigneti è sud-sud-ovest, su un terreno con una pendenza del 20-25%. Il suolo è arato con il cavallo, in modo da non soffocare il terreno e da non reprimere l’attività microbica che porta vita al terroir. Non si utilizzano fertilizzanti né concimi chimici. Sono banditi acaricidi, insetticidi e l’intervento umano è il più limitato possibile. Alcune piante ed erbe selvatiche sono lasciate crescere tra i filari, per mantenere la biodiversità del territorio. Le rese sono molto limitate. La vendemmia, manuale, è praticata il più tardi possibile, quando i piccoli grappoli presentano sfumature color arancione, quasi viola.
Da giugno 2007, le vigne di Sébastien sono certificate in conversione biologica. La vendemmia 2010 è stata la prima ufficialmente bio (certificazione Bureau Veritas). Ma Sébastien ha voluto andare oltre, con la pratica biodinamica (certificazione Demeter). 

In cantina non si utilizzano enzimi, non si corregge l’acidità, non si aggiungono solfiti e i vini non sono chiarificati né filtrati. In generale, si cerca di limitare gli interventi, affinché la vinificazione e l’affinamento siano i più naturali possibili. Una lunga maturazione in botti e l’imbottigliamento con il bel tempo e con luna calante permettono di offrire vini – rossi e bianchi – corposi, ricchi e molto intriganti. Bianchi di Sancerre molto diversi dallo stereotipo stilizzato imposto dal sauvignon dal gusto di peperone verde, foglia di pomodoro e pietra focaia...

Sancerre blanc “Les Quarterons” (aoc)

Vitigno: Sauvignon blanc 100%.
Vigneto: esposizione sud/sud-ovest – Altitudine 300 mslm – Età media delle viti circa 30 anni.
Potatura e resa media: Potatura a guyot semplice. Resa media: 40 ettolitri/ettaro.
Densità d’impianto: 8.000 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Calcare del Portalandiano. 
Vinificazione: Vendemmia manuale. Pressatura diretta. Fermentazione alcolica e malolattica in acciaio. Nessun uso di enzimi. Nessuna correzione dell’acidità. Nessuna aggiunta di solfiti. Affinamento totale 24 mesi. Filtrazione su terra e solfitazione (10 mg/l) prima dell'imbottigliemento. 
Solfiti: 7 mg/l (liberi).
Quantità media prodotta: 10.000 bottiglie l'anno.
Tipo di bottiglia e chiusura: Borgognona con tappo in sughero naturale.

Sancerre blanc "Saulétas" (aoc)

Vitigno: Sauvignon blanc 100%.
Vigneto: esposizione sud/sud-ovest – Altitudine 300 mslm – Età media delle viti circa 50 anni.
Potatura e resa media: Potatura a guyot semplice. Resa media: 20 ettolitri/ettaro.
Densità d’impianto: 8.000 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Calcare del Kimmeridgiano. 
Vinificazione: Vendemmia manuale. Pressatura diretta. Fermentazione alcolica e malolattica in acciaio. Nessun uso di enzimi. Nessuna correzione dell’acidità. Nessuna aggiunta di solfiti. Affinamento totale 24 mesi in botti di rovere usato. Nessuna filtrazione e nessuna aggiunta di solfiti. Imbottigliamento per gravità e affinamento di 12 mesi in bottiglia prima dell'immssione in commercio. 
Solfiti: <5 mg/l.
Quantità media prodotta: 2.500 bottiglie l'anno.
Tipo di bottiglia e chiusura: Borgognona con tappo in sughero naturale. 

 
     
copyright Sarfati 2006