sarfati
Julien Labet - Rotalier (Jura)
  julien_labet_nelle_vigne_di_rotalier_jura

Il Domaine Labet è una piccola azienda familiare, nata nel 1974 a Rotalier, nella sezione meridionale dell’appellation Côtes du Jura, nell’est della Francia. Dal 2003, la nuova generazione rappresentata da Julien si è orientata verso pratiche ancora più naturali, concentrate su 3 ettari di vigneto (in media 8mila bottiglie l’anno). 
Nei circa dodici ettari complessivi di vigna Labet si coltivano vitigni tradizionali dello Jura: chardonnay e savagnin per i bianchi, pinot noir e trousseau per i rossi. Gran parte delle uve è frutto di vecchie viti che raggiungono 60 anni d’età. La conduzione di Julien - che riguarda una parte specifica della tenuta, e dà luogo a una produzione a parte - è il più naturale possibile: assenza completa di fertilizzanti e di insetticidi, con l’unica protezione dello zolfo e del rame. La potatura avviene da gennaio a marzo. La vendemmia è manuale.

Il domaine Labet non miscela vitigni differenti ma li vinifica in purezza e, in alcuni casi, produce cuvée da singolo cru. Nei bianchi, il mosto ottenuto da pressatura soffice è lasciato riposare una notte. Si rimuovono poche fecce (0,5-3%) cosicché quelle rimaste proteggano il vino dall’ossidazione. I vini fermentano spontaneamente con lieviti indigeni. La vinificazione avviene sulle fecce fini (sur lie), in barrique di rovere da 228 litri, che hanno tra quattro e dodici anni d’età. 
Due tipi di vini bianchi: uno, tradizionale nello Jura, è dato da un processo ossidativo, in cui le botti non sono riempite e sul vino si sviluppa un velo di lievito (voile) che protegge il liquido da scambi eccessivi con l’aria; l’altro (detto ouillage) consiste nel colmare le botti, ottenendo una vinificazione in stile borgognone. 
Si lavora in accordo con le stagioni e con le fasi lunari. Non sono previsti travasi. L’imbottigliamento avviene in primavera, quando i vini sono freddi e limpidi. Se il vino è velato, lo si filtra delicatamente. Si utilizza anche un po’ di SO2.

Côtes du Jura Chardonnay “Les Varrons” (aoc)

Vitigno: Chardonnay (antica selezione massale: su ogni appezzamento sono presenti da venti a quaranta diversi tipi di chardonnay). 
Vigneto: Les Varrons, Rotalier (280 metri s.l.m., esposizione a est) – 0,6 ettari – Due vigne piantate nel 1932 e nel 1940. 
Potatura e resa media per pianta: Potatura a guyot semplice o a doppio guyot, a seconda della pianta. Resa: da 25 a 35 ettolitri/ettaro (da 25 a 50 cl per pianta).
Densità d’impianto: 8.000 piante/ettaro
Suolo e sottosuolo: Argilla di decalcificazione profonda, dal colore rosso-arancio, su un sottosuolo calcareo del Batoniano (2-3 metri di profondità). 
Vinificazione: Pressatura soffice. Solo lieviti indigeni. Vinificazione con rari bâtonnage. Maturazione sulle fecce fini in barrique. Filtrazioni per gravità a placche larghe. 
Solfiti: Liberi: 4-8 milligrammi/litro. Totali: 30-60 milligrammi/litro.
Quantità media prodotta: 1.500-2.500 bottiglie l'anno.  
Tipo di bottiglia e chiusura: Bottiglia Jura, tappo certificato “Bio éco-nature” Juvenal.

Côtes du Jura Chardonnay “La Reine” (aoc)

Vitigno: Chardonnay (antica selezione massale: su ogni appezzamento sono presenti da venti a quaranta diversi tipi di Chardonnay). 
Vigneto: La Reine, Rotalier (260 metri s.l.m., esposizione a nord-ovest) – 0,16 ettari – Due vigne piantate nel 1900 e nel 1920. 
Potatura e resa media per pianta: Potatura a guyot semplice o a doppio guyot, a seconda della pianta. Resa: da 25 a 35 ettolitri/ettaro (da 25 a 50 cl per pianta).
Densità d’impianto: 7.500 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Argille rosse di decalcificazione profonda. Sottosuolo calcareo a 3 metri di profondità.
Vinificazione: Pressatura soffice. Solo lieviti indigeni. Vinificazione con rari bâtonnage. Maturazione sulle fecce fini in barrique. Filtrazioni per gravità a placche larghe. 
Solfiti: Liberi: 4-8 milligrammi/litro. Totali: 30-60 milligrammi/litro.
Quantità media prodotta: 300-600 bottiglie l'anno. 
Tipo di bottiglia e chiusura: Bottiglia Jura, tappo certificato “Bio éco-nature” Juvenal. 

Altri vini:

Côtes du Jura “Fleur de Savagnin” (aoc)
Côtes du Jura “Fleur de Savagnin Nature” (aoc – senza solfiti aggiunti)
Crémant du Jura brut (aoc – chardonnay metodo classico)
Côtes du Jura “Fleur de Marne” (aoc – chardonnay)
Côtes du Jura "Lias" (aoc – chardonnay)
Côtes du Jura "Bajocien" (aoc – chardonnay)
Côtes du Jura "La Bardette" (aoc – chardonnay) 

 
     
copyright Sarfati 2006