sarfati
Domaine Pattes Loup, Thomas Pico - Courgis (Borgogna)
  La cantina d'invecchiamento del domaine Thomas Pico - Pattes Loup a Chablis, Borgogna.

Nel 2005, il giovane Thomas Pico, figlio di vignaioli, dopo una formazione vitivinocola a Beaune, decide di prendere gradualmente in mano l'azienda agricola di famiglia a Courgis, piccolo paese a pochi chilometri da Chablis, e nella stessa area di denominazione. A una condizione: convertire i vigneti all'agricoltura biologica. Una scelta drastica e poco comune, in un territorio ampiamente assuefatto alla chimica... E così, il domaine Pattes Loup sopprime tutti i prodotti di sintesi su 8 ettari e mezzo di vigna, facendo tornare a splendere Chablis, il suo grande terroir e i suoi leggendari vini bianchi della Borgogna settentrionale. 

Stessa scrupolisità in fase di vinificazione delle uve, che dopo la pressatura diretta iniziano una fermentazione spontanea con soli lieviti indigeni, e senza nessuno zuccheraggio dei mosti. Solo i Chablis "village" subiscono una leggera filtrazione "Kieselghur" (su terra bianca) prima dell'imbottigliamento. Molto basso il livello di solfiti aggiunti, gran parte dei quali si combina. Alcuni vini invecchiano poi in pièce bourguignonne nella cantina di un'antica casa nel centro di Chablis (foto sopra). 

Chablis (aoc)

Vitigno: Chardonnay 100%. 
Vigneto: Chablis – Superficie: 4 ettari – Età media delle viti: 30 anni.
Potatura e resa mediaPotatura guyot. Resa media: 40 ettolitri/ettaro.
Densità d’impianto: 5.000-8.333 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Argilloso-calcarei con marne kimmeridgiane. 
Vinificazione: Pressatura diretta. Fermentazione spontanea con soli lieviti indigeni in vasche tradizionali e ovoidali in cemento, con controllo della temperatura. Nessun arricchimento dei mosti, nessuna correzione dell'acidità. Leggera filtrazione kieselghur (su terra bianca) prima dell'imbottigliamento.  
Solfiti: All'imbottigliamento: 45/50 mg/litro di totali; circa 20 mg/litro di liberi.  
Quantità media prodotta: -. 
Tipo di bottiglia e chiusura: Borgognona, con tappo di sughero e ceratura del collo.

Chablis Premier Cru "Montmain" (aoc)

Vitigno: Chardonnay 100%. 
Vigneto: Chablis – Superficie: 0,7 ettari – Età media delle viti: 25 anni.
Potatura e resa mediaPotatura guyot. Resa media: 40 ettolitri/ettaro.
Densità d’impianto: 5.000-8.333 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Argilloso-calcarei con marne kimmeridgiane. 
Vinificazione: Pressatura diretta. Fermentazione spontanea con soli lieviti indigeni in rovere (pièce bourguignonne e demi-muid). Malolattica in botte. Nessuno zuccheraggio dei mosti, nessuna correzione dell'acidità. Nessuna filtrazione.  
Solfiti: All'imbottigliamento: 45/50 mg/litro di totali; circa 20 mg/litro di liberi.  
Quantità media prodotta: -. 
Tipo di bottiglia e chiusura: Borgognona, con tappo di sughero e ceratura del collo. 

Chablis Premier Cru "Beauregard" (aoc)

Vitigno: Chardonnay 100%. 
Vigneto: Chablis – Superficie: 1,2 ettari – Età media delle viti: 40 anni.
Potatura e resa mediaPotatura guyot. Resa media: 40 ettolitri/ettaro.
Densità d’impianto: 5.000-8.333 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Argilloso-calcarei con marne kimmeridgiane. 
Vinificazione: Pressatura diretta. Fermentazione spontanea con soli lieviti indigeni in rovere (pièce bourguignonne e demi-muid). Malolattica in botte. Nessuno zuccheraggio dei mosti, nessuna correzione dell'acidità. Nessuna filtrazione.  
Solfiti: All'imbottigliamento: 45/50 mg/litro di totali; circa 20 mg/litro di liberi.  
Quantità media prodotta: -. 
Tipo di bottiglia e chiusura: Borgognona, con tappo di sughero e ceratura del collo. 

 
     
copyright Sarfati 2006